Storia

Perché mi chiamo Amatelier?

3 Gennaio 2020
Amatelier Storia

Il 25 settembre 2012  ho aperto la porta del mio atelier per ultimare la fase organizzativa  dell’evento programmato per la sera stessa, che ha annunciato l’apertura di Amatelier a Capaccio Paestum. Ho creato una sfilata a cielo aperto  all’Hotel Royal di Paestum,  che ha dato il via a questa storia di cui ti voglio raccontare.  Quella sera ho avuto accanto a me un uomo di grande energia, uno stilista e un organizzatore di eventi all’estero_ Mauro Adami. Hanno sfilato 10 modelle e una collezione molto ampia, con abiti particolari e accessori altrettanto non convenzionali. 

Il mio obiettivo fin da subito è stato questo: creare un atelier sposa non convenzionale, sia dall’aspetto e quindi dall’arredo di design ma soprattutto dall’animo, dall’accoglienza, dagli abiti da sposa, insomma, non volevo un atelier classico e pesante perché Amatelier ha un piglio ben preciso.

Ci ho impiegato quasi 1 anno per vedere accesa quell’insegna: “Amatelier l’abito da sposa e non solo

In questi 7 anni ho incontrato tantissime persone  che mi hanno fatto sempre la stessa domanda:
<<perchè Amatelier, cosa significa e perché non Le Spose di… (Chiara)?>>
La scelta del nome è stata illuminante, un lunedì mattina insieme a mio fratello Vito e a mia sorella Maria Luisa  abbiamo unito le energie per creare il Naming;  doveva essere chiaro con un significato e una spinta importante.

Ed ecco che, con l’unione di 2 parole Atelier e Amore è uscito fuori A M A T E L I E R
A-M-A
è il nome del mio Metodo, che aiuta le spose ad avere una Guida con lo sguardo che sa andare oltre.
Mi occupo, grazie al supporto di tutto il mio staff al femminile, di una sposa per volta.  Non posso chiamarmi Le Spose di, perché io mi occupo di te al singolare fino al giorno del tuo matrimonio.  Amatelier è specializzato nella personalizzazione totale dell’ abito da sposa, a differenza dei negozi multi-brand che si accontentano di mostrarti abiti di produzione in serie, dei soliti marchi e creati per essere venduti a centinaia di donne.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply