I Segreti per

Scopri i 3 segreti sulla scollatura a cuore

25 Febbraio 2020
Elena Fasolino Sposa Amatelier

Quando pensi all’abito da sposa, spesso la prima scollatura che ci viene in mente è quella a cuore o a cuoricino come dice qualcuna, ignorando le 2 trappole di cui ti vorrei parlare in questo articolo, nelle quali ci cascano tutte. Più del dell’80% delle donne, che devono sposarsi ignorano molte informazioni sugli abiti da sposa, sulle scollature, su cosa evitare e cosa no.

Più di un decennio fa le spose provavano nei negozi gli abiti a disposizione e sceglievano vestiti da sposa in base a ciò che vedevano solo con lo specchio dinnanzi a loro; oggi invece con il cellulare c’è la possibilità di vedere immediatamente l’abito dell’amica, le foto all’altare della cugina, si innesca un meccanismo psicologico, dove ci lasciamo convincere che se loro hanno scelto la scollatura a cuore, significa che la stessa sarà adatta a te. 

Tu senza rendertene conto entrerai in un negozio, fisserai un appuntamento e alla commessa dirai: a me piacciono gli abiti a cuore. Lei sarà felice, avrà meno da lavorare, così ti prenderà una carrellata di vestiti a cuore, e tu sceglierai sulla base delle tue convinzioni.

Questo ti porterà ad ignorare totalmente l’abito giusto per te in base alla parte superiore del tuo corpo. Prendere una scelta precisa in base alla scollatura determinerà già molte cose, e ti porterà verso soluzioni (forse) non adatte a te. La scollatura a cuore sembra la preferita di tutte, perché a detta di molte è la più bella. Non è così, permettimi di non essere d’accordo! Ho visto in questi anni spose con la scollatura a cuore, con il seno tutto di fuori, e con le mani a reggersi per tutto il tempo il corpino.

Quelle Spose non erano state seguite nella scelta, avevano acquistato un abito senza minimamente immaginare le conseguenze, e come potrebbe essere altrimenti? Le Spose vogliono essere ascoltate e ricevere anche delle dritte. Questo non accade perché nel negozio di abiti da sposa deve essere tutto molto veloce, la sposa deve provare l’abito e sceglierselo sulla base solo estetica, senza davvero capirne le funzionalità.

E’ questo aspetto che in questi anni mi ha sempre infastidito ed è per questo motivo che ho cominciato a specializzarmi sempre di più, così la sposa può ritrovarsi in un luogo dove c’è di più oltre agli abiti appesi. 

E’ per questo che è importante garantire alla sposa una consulenza specifica sui bisogni di essa, per ottenere il massimo dall’appuntamento. Provare gli abiti non significa soltanto guardarsi allo specchio e dirsi: mi piace o non mi piace. Ogni giorno in Amatelier prima di incontrare la Sposa, leggo le risposte alle domande che le ho inviato, ad esempio è molto importante per me sapere quali sono secondo la sposa i suoi punti forti da valorizzare e i punti deboli da nascondere con l’abito; mettere per iscritto queste informazioni aiuta anche a dire la verità e a cercarle dentro sé. 

Non immagini nemmeno quanto siano diverse le risposte, in un’indagine di mercato che ho condotto personalmente su un campione di 80 spose, solo il 10 % ha scritto la stessa cosa, tutto il resto ha sottolineato particolari di se stessa che non mi avrebbe mai detto. 

E’ per questo che ora ti rivelo i 3 SEGRETI (belli e brutti) della scollatura a cuore: 

  1. Se hai un “seno est-ovest” (quel tipo di seno i cui capezzoli “guardano” in direzioni opposte) e la scollatura sulla schiena lo permette, fatti cucire un reggiseno a balconcino nel corpino, riuscirai così a contenere il seno, a farlo salire su per avere una forma tonda femminile. Diversamente il rischio è quello di avere un corpino con un seno poco valorizzato
  2. Se ti piace la scollatura a cuore ma la misura del tuo seno supera la 3 coppa C, ti consiglio di pensare ad una scollatura più accogliente (hai mai visto quella a “onda?), perché il rischio di avere ad un certo punto della giornata il seno di fuori è molto alto. Il motivo è questo: i tessuti dopo un paio di ore, a contatto con il calore della pelle, cominciano a cedere, il corpino potrebbe scostarsi dalla coppa.
  3. Se hai il seno “distante”, il torace largo, le braccia poco toniche e un po’ grandi, la scollatura a cuore potrebbe evidenziare la pelle in eccesso, si forma quella “ciccia” antiestetica nella zona vicino l’ascella. Che brutta!
  4. Voci di corridoio sostengono che se hai il seno piccolo, la forma a cuore non puoi indossarla, perché avrai l’effetto vuoto sulla scollatura. Sbagliatissimo! Non è vero, è il contrario: se il corpino è fatto su misura e indosserai le coppe o un reggiseno giusto (a seconda dalla scollatura sulla schiena) ti vestirà perfettamente. 
  5. Alcuni corpini a cuore non hanno strutture, non sono foderati, non hanno stecche e sono quindi trasparenti.
    Se il tuo seno ha una forma “distante” / “est-ovest” oppure uno è più grande dell’altro, ti invito seriamente a lasciar perdere! 

Ricordati un’altra info molto importante: 

  • Se l’abito lo permette, scegli un reggiseno adatto alla tua forma del seno, misuralo e controlla bene che ti stia bene, spesso i difetti più grandi sugli abiti sono dovuti alla scelta sbagliata della misura. Le spose non lo sanno e le commesse non lo dicono.

Ora che conosci i 5 segreti della scollatura a cuore, puoi cominciare serenamente a valutare anche altro, ti consiglio sempre di provare ogni tipo di scollatura, perché ti aiuterà ad essere più consapevole e obiettiva. In atelier ogni sposa riceve precise istruzioni prima dell’appuntamento, e al suo arrivo saprà affidarsi e riconoscere le forme di scollatura, di gonna e i colori dell’abito adatti a lei. 

Guarda la Video-Testimonianza, che ho preparato per te insieme a Sofia, una sposa 2020.

Il mio famoso giro, è iniziato da lì e lì mi son fermata perché ho avuto una forte empatia quando ho partecipato al Party “Il Diavolo Veste Prada”. Lì avevo capito che Amatelier potesse rappresentarmi… (continua)

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply